giovedì 7 novembre 2019

Don’t cry for me Argentina (continued...)

Sembra che qualcuno potrebbe finire (di nuovo!) per “piangere” per l’Argentina….

Da un articolo del Financial Times, “Bondholders warn Argentina not to make debt ‘uninvestable’”  

“Some of Argentina’s biggest bondholders say they are ready to negotiate with the incoming government led by Alberto Fernández over roughly $50bn they are owed in sovereign debt, but warn that too harsh a restructuring would make the country uninvestable.”

The group is pushing for a deal in which bondholders give the government more time to pay back its debts without so-called haircuts, or losses on the face value of the bonds — an approach previously endorsed by Mr Fernández. Investors see this as a good starting point, but warn there is a limit to what they will endure.

“If they attempt a major haircut or a deep restructuring on the debt like they did back in 2005, they are risking Argentina becoming really uninvestable,” said Carl Ross, a partner at fund manager GMO. “There may come a point where a lot of international bondholders may say there is no price at which they can own Argentina.”
Giusto per ricapitolare, l’Argentina ha fatto default sul proprio debito per ben 8 volte negli ultimi 200 anni. Solo nel nuovo millennio: ha fatto default nel 2001; ha imposto un haircut di 70% nelle ristrutturazioni del 2005 e 2010; era tecnicamente in default sul pagamento delle cedole delle nuove obbligazioni post-ristrutturazione tra il 2014 ed il 2016 per dispute legali (la famosa disputa con il fondo Elliott Management di Paul Singer); è potuta tornare sui mercati internazionali solo nel 2016 dopo 15 anni in panchina; infine – come detto – nel 2017 ha ricevuto domande 3x superiori all’offerta per il bond a 100 anni che oggi tratta a 40.
C’è da ammirare la spavalderia di questi investitori, che stanno minacciando il nuovo presidente con: “Se fai default per la nona volta, potremmo non prestarti più soldi per la decima volta!

Vogliamo scommettere che se anche l’Argentina imponesse un nuovo haircut di 90% e tra un anno tornasse sul mercato con un titolo zero-coupon perpetuo ci sarà la fila per acquistarlo?

1 commento:

  1. In pratica: incassi anni di cedole super e poi ogni tanto una bella legnata per il default...roba da fondo vulture, compera sotto strangolo e rivende quando IMF approva le tranche di finanziamento, magari a qualche bell'Etf del piano di sotto.

    RispondiElimina